Stan Smith è un tennista americano oggi settantenne che in carriera ha vinto, ma non stravinto. Su Google, il suo nome compare piuttosto per essere il più celebre modello di scarpe delle Adidas. Delle Originals fanno parte anche le Superstars: le due icone insieme nel 2016 hanno aumentato le vendite dell’80%, secondo Bloomberg.

Stan Smith, le scarpe, sono nate nel 1971 e pare che piacciano molto (anche) ai Millennials perché, come altri prodotti di moda vintage, danno “sicurezza”, leggo in un lungo articolo di Quartz. Non si parla di automobili, ma il vintage nelle quattro ruote in effetti mi risulta abbia appeal tra i giovani, una cosa su cui l’industria dovrebbe riflettere.

Nel 2012, la Adidas ferma la produzione delle Stan Smith, quelle rimaste vanno a ruba. Passa solo un anno e il modello torna a grande richiesta. In un video promozionale, a Stan Smith, il tennista, i creativi mettono in bocca “la gente pensa che sia una scarpa”. E ancora: “Mio figlio una volta mi ha chiesto: papà, hanno chiamato così prima le scarpe o prima te?”.

Nel 2015, Adidas ha venduto nel mondo 8 milioni di paia di Stan Smith. Nel 2016, il marchio ha venduto di tutta la sua linea di sneakers complessivamente 40 milioni di paia, obiettivo 2020 è 500 milioni. Prevedibile che le Originals avranno ampia parte in questa crescita ambiziosa.

Le Stan Smith vintage non hanno eguali nell’automobile. La Mini, la Porsche 911, la Volkswagen Beetle, la Fiat 500 sono stati rifatte da cima a fondo, mantenendo qualche memoria nello stile. Ma le originali vintage non possono più circolare per motivi ambientali, salvo per un raduno che sa un po’ di riserva indiana.

L’artista canadese Neil Young ha provato a eternizzare una Lincoln Continental del 1959 elettrificandola, ma gli è andata a fuoco facendo non pochi danni (leggetevi il suo “Special deluxe”, libro fantastico).

Un’automobile Stan Smith per tutti i giorni come le scarpe, che non inquini, che sia vintage e dia sicurezza ai Millennials. E anche a chi sta per compiere mille anni. Ho fatto un sogno.

Lascia un commento

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.