La Nissan e-NV200 Evalia è il primo multispazio a sette posti a emissioni zero sul mercato.  Mancava? Mancava. Perché tutto ciò che si muove su ruote che faccia meno danni all’ambiente, soprattutto nelle città, non può che essere il benvenuto.

La Nissan vende la e-NV200 Evalia come veicolo per un “turismo ecosostenibile”, utile come navetta per alberghi, prezioso per risparmiare  sui costi di gestione, non inquinante muovendosi in modalità esclusivamente elettrica. Intelligente la presentazione a noi addetti ai lavori su un breve percorso ecosostenibile, alle porte di Roma, fra un’oasi Wwf e un sito balneare fatto di materiali riciclabili e pannelli solari, da smontare e portar via a ogni fine stagione. Sembra una fesseria, ma è anche così che si prova a comunicare una “cosa”.

Altri dati chiave della Nissan e-NV200 sono due: l’autonomia delle batterie, 167 chilometri dichiarati, e la capacità di carico del bagagliaio, che a sette posti resta di 440 litri (870 in cinque, 2.940 in sette). Dati buoni in entrambi i casi, considerando l’uso prevalente cui è destinato questo veicolo. Prezzi e altro, li trovate sul sito di Nissan. Spaziosa, silenziosa, sospensioni però con risposta troppo secca sui tombini.

La battaglia di Nissan per l’affermazione dell’auto elettrica, cui nel tempo si stanno affiancando quasi tutti i costruttori seppur con toni e convinzioni diverse, è in salita. Per questo metto qui di seguito due slides presentate dalla Casa giapponese, una sugli incentivi pubblici che l’elettrico riceve in molti paesi europei ma non in Italia,

Incentivi Europa auto elettrica

la seconda sul risparmio dei costi di gestione.

Costi di esercizio auto elettrica

Ognuno tiri le fila per conto proprio: per quanto mi riguarda, ragione e cuore a volte possono stare dalla stessa parte.

Lascia un commento