[…] ha rinunciato pure a Twitter, la sua magnifica ossessione, forse per dare più credito alla “sensazione super negativa”. Che tuttavia campata per […]