[…] Ma passano dieci giorni e il 6 giugno John Elkann, in piena trattativa, sbatte la porta dando la colpa al governo francese per un matrimonio che evidentemente non s’ha da fare. E abbandona senza avere un piano B, nota l’amico Riccardo Ruggeri. […]